Cosa riportiamo da SIGEP 2020: novità e conferme

Eccoci a raccontare un nuovo Sigep, una bellissima esperienza come ogni anno che questo anno era ancora più speciale dal punto di vista professionale. Come ben sapete, la nostra scuola esiste ormai da 11 anni, e in questo anno che ha seguito il nostro decimo anniversario mi sono impegnato anima e corpo a prendere in considerazione tutte le tendenze nel mondo della gelateria.

Tanto impegno quindi anche a scegliere e a perfezionare le ricette da presentare al mondo in Fiera, impegno davvero ripagato dagli ottimi riscontri, sia al nostro stand che alla premiazione del Gambero Rosso!

Come facciamo sempre ai nostri corsi, abbiamo portato il massimo della qualità per il gelato che produciamo a Rimini. Ma non è stato semplice! Infatti, la maggior parte degli ingredienti comprese uova (biologiche del Parco della Maremma), burro e mascarpone (premiato dal Gambero Rosso), li abbiamo portati direttamente da “casa” con trasporto refrigerato.

Niente compromessi per darvi il massimo, e in tanti ci avete detto che è stato il miglior gelato in tutta la fiera.

I gusti che hanno avuto maggior successo sono stati il pesto, lo zabaione con la birra maremmana (Frank e Serafico) senza zuccheri aggiunti, il classico e inimitabile pistacchio di Bronte, il gusto che ho chiamato “3” perché ha solo tre ingredienti (massa di cacao, datteri e acqua). Non dimentichiamoci il sorbetto di limone di Sorrento IGP!

Abbiamo notato un pubblico molto attento e sempre di più alla ricerca di un gelato realizzato con consapevolezza e know-how! Ormai il gelato naturale è arrivato un po’ dappertutto e quindi la gente è consapevole di quello che c’è dietro. Quando poi, al momento dell’assaggio, vedo che il loro volto si illumina, sono soddisfatto doppiamente. Specialmente dall’estero sono venuti in tanti che cercavano proprio questa qualità di gelato da esportare nel loro paese.

Un bel momento è stato quello della premiazione dei 3 Coni Gambero Rosso per la mia gelateria di famiglia “Chiccheria” di Marina di Grosseto. Ormai è già il quarto anno di fila (cioè da quando esiste questo premio) che ci viene conferito. E quest’anno sono stato ancora più felice perché altri 2 nuovi allievi della Gelato Naturale Academy si sono aggiunti agli studenti che assieme a me hanno ricevuto il premio più ambito. I nostri corsi aiutano davvero a mettere la famosa marcia in più!

In generale devo dire che ho notato molto, molto movimento in fiera: non c’era un attimo di tregua.
Le tendenze della fiera?Quello che già insegnamo ai nostri corsi, in particolare al nostro nuovissimo corso di specializzazione: il gelato proteico e quello a ridotto contenuto calorico (meno grassi, meno zuccheri o fatto esclusivamente con zuccheri alternativi).

La gente ricerca il gelato più sano: ha infatti riconosciuto la potenzialità e versatilità di questo alimento! Vi assicuro che questo ci accompagnerà per tutto questo decennio. Noi siamo prontissimi e già in grado di fornirvi tutte le corrette tecniche di bilanciatura per realizzare ogni tipologia di gelato #nosemilavorati.

A presto!

Manuele

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *